Il povero sonetto

Lì nel trascorso tempo giovanile,
inutile cercavo di comporre
stupido tre versi entro quel cortile,
poi mi dicevo quì studiare occorre.

Così minore, sotto mi mettevo,
convinto di sapere alcune dare,
più a cadere, in giù non m’arrendevo
se prima non vedevole baciare.

si’ con gli anni venivano alternate,
in file come quelle incatenate,
nel mesto fio cammino ritornante…

Rileggendole smarrito nelle ombre,
sfiorito come un albero d’ottobre
or che intra pur sentivomi smagliante!

(Così tra quelle mura scopersi la metrica in una tardi.)

Perciò mi rammaricavo

Oh grande cultura mi desti assenza,
sognavo la tua mano, l’amore,
anche il padre che mi fece.

Allora insegnavi ad altri
perchè avevano le madri che
li accompagnavano dov’eri.
Ogni giorno alla tua scuola le
vedevi come le ricordi ancora,
la mia tranne.

La fine grammatica

Come un sarto di prima scelta,
scrive(cuce) perfettamente,
punteggia sul tempo giusto
(sulla linea) a non uscire fuori,
stoffa che non avevo,
quell’ago tra le mani.

Con l’aiuto del signore poi, così io mi arrangiai

Rusella ‘e maggio (1939)

Quanno staje fore a ‘sta loggia,
sott’a stu bellu grillaggio,
fresca, accussì, leggia leggia,
si’ na rusélla ‘e maggio.
Si è triste, ‘o cielo se schiara,
cchiù prufumate só’ ‘e sciure,
ll’aucielle cantano a coro
mentr’io suspiro.

Rusélla ‘e maggio mia,
rusélla ‘e maggio.
Tu si’ caduta ‘a cielo ‘ncopp’a ‘sta loggia.
Te vasa ‘nfronte ‘o sole cu ‘o meglio raggio.
Rusélla ‘e maggio mia,
rusélla ‘e maggio.

Quanno po’ cuse, io mme ‘ncanto,
sti mmane toje tengo mente.
Pare che ‘a sott’a sti punte,
proprio nu sciore sponta.
Tanno, ‘a te voglio na cosa,
pe’ mme fà jì ‘mparaviso:
ca nu ricamo cianciuso
mme faje cu ‘e vase.

Rusélla ‘e maggio mia…

E si cantà po’ te fanno,
‘o viento passa e, sentenno
comm’a na radio, p’ ‘o munno,
‘sta bella voce spanne.
Corre p’ ‘e monte e p’ ‘o mare e,
doce, va p’ògne core,
purtanno gioje e suspire
d’ ‘a primmavera.

Rusélla ‘e maggio mia…

Maistà (1925)

‘O cardillo dint’ ‘a cajola
sta chiagnenno ca resta sulo
e Carmela ca resta sola
se sta zitta, ma fa pietá.

I’ nun chiagno, pecché mme pare
comme fosse nu dissonore,
pecché penzo ca ‘o militare
cierti ccose nun ‘e ppò fá.

Ma a Carmela, mia dorge sposa,
gli ho prommiso na bella cosa.

Ce appresentamm’a ‘o rre
pe’ dicere: “Maistá,
Carmela, senza ‘e me,
nun vò’ campá,
nun pò campá.
Quann’ ‘o vvulite vuje,
tutto se pò aggiustá.
Na branda, a tutt’e duje,
nce ‘a pònno dá,
nce ‘a pònno dá”.

E mammélla, mme fa na pena
quanno prega a Giesù Bammino:
“Mo ch’è ‘o tiempo de la nuvena
a stu figlio mme ll’hê ‘a lassá.

E’ nu buonu ciaramellaro,
ma nun serve comme a guerriero.
Tu mme lieve n’oggetto caro
ca nun tiene che te ne fá”.

Ma a mammélla ca nun reposa,
gli ho prommiso na bella cosa.

Nce appresentamm’a ‘o rre,
pe’ dicere: “Maistá,
mammélla, senza ‘e me,
nun vò’ campá,
nun pò campá.
Quanno ‘o vvulite vuje,
tutto se pò aggiustá.
Na branda a tutt’e duje
nce ‘a pònno dá,
nce ‘a pònno dá”.

Addio pianta ‘e carufanielle,
addio vòccole e pullicine
che ‘a matina, tutt’ ‘e mmatine,
v’ ‘a facíveve attuorno a me.

Addio poveri ppecurelle
ca restate senz’ ‘o pastore.
I’ ve lasso nu piezz’ ‘e core,
ma nisciuno ll’ha da sapé.

Ma a ‘o cardillo ca nun reposa,
gli ho prommiso na bella cosa.

Nce appresentamm’a ‘o rre,
pe’ dicere: “Maistá,
st’auciello, senz’ ‘e me
nun vò’ campá,
nun pò campá.
Quann’ ‘o vvulite vuje,
tutto se pò aggiustá.
Na branda, a quatt’ e nuje,
nce ‘a pònno dá,
nce ‘a pònno dá.

‘O portavoce (1921)

Papà nun vo’ ca tu t’affacce ‘a sera
perchè si pensa che io ti fo la posta,
papà che tiene ‘a capa troppo tosta
si affaccia lui, pe nun te fà affaccià!

Ma noi parliam dal portavoce
dal momento che ci cuoce,
tutte e sere verso e’ l’otto
lei da sopra e io da sotto

con un fischio nella mano
zittu zitt chianu chian
i te rong o sfog a’ tte
tu me dai o’ sfog a mme.