Rusella ‘e maggio (1939)

Quanno staje fore a ‘sta loggia,
sott’a stu bellu grillaggio,
fresca, accussì, leggia leggia,
si’ na rusélla ‘e maggio.
Si è triste, ‘o cielo se schiara,
cchiù prufumate só’ ‘e sciure,
ll’aucielle cantano a coro
mentr’io suspiro.

Rusélla ‘e maggio mia,
rusélla ‘e maggio.
Tu si’ caduta ‘a cielo ‘ncopp’a ‘sta loggia.
Te vasa ‘nfronte ‘o sole cu ‘o meglio raggio.
Rusélla ‘e maggio mia,
rusélla ‘e maggio.

Quanno po’ cuse, io mme ‘ncanto,
sti mmane toje tengo mente.
Pare che ‘a sott’a sti punte,
proprio nu sciore sponta.
Tanno, ‘a te voglio na cosa,
pe’ mme fà jì ‘mparaviso:
ca nu ricamo cianciuso
mme faje cu ‘e vase.

Rusélla ‘e maggio mia…

E si cantà po’ te fanno,
‘o viento passa e, sentenno
comm’a na radio, p’ ‘o munno,
‘sta bella voce spanne.
Corre p’ ‘e monte e p’ ‘o mare e,
doce, va p’ògne core,
purtanno gioje e suspire
d’ ‘a primmavera.

Rusélla ‘e maggio mia…

Una risposta a “Rusella ‘e maggio (1939)”

  1. Sto cercando Carmine Cannio, napoletano.
    Lo incontrai anni fa nel treno e passammo delle ore ad ascoltare le sue posie.

    Deliziata della sua presenza lo ricordo con affetto.

    Un abbraccio,
    Manuela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *