Carufanella (1914)

Siii quando vivrà,
zingara mia
tte rongo nun capì,
tè lieggimi ccà,
e chesta mano e tu pe me saglì,
dimme ca io t’andivine
guardame dint’a ll’uocchie e nun parlà.
Ma che destino niro d’irunia,
i t’andovino e mò t’ho voglio ddì,
chella ca puorte scritto mmiezz’a mano,
che n’fame e n’fame e te vo fa murì.
Che vvuò anduvinà, nun’e liggiuto niente zingarè,
va lassema stà, ca sciorta mia tu nun può sapè,
vide chistu curtiello, chi m’ha n’gannata nun se pò salvà.

E’ tann’è bella quanno nnanz’a mme,
carufanella morta adda cadè,
morta me ll’aggio astregnere dint’e braccia,
e fredda chella vocca aggia vasà.

Chella ca puorte scritto mmiezz’a mano,
che n’fame e n’fame e te vo fa murì.
Che n’fame e n’fame e te vo fa murì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *