‘O portavoce (1921)

Papà nun vo’ ca tu t’affacce ‘a sera
perchè si pensa che io ti fo la posta,
papà che tiene ‘a capa troppo tosta
si affaccia lui, pe nun te fà affaccià!

Ma noi parliam dal portavoce
dal momento che ci cuoce,
tutte e sere verso e’ l’otto
lei da sopra e io da sotto

con un fischio nella mano
zittu zitt chianu chian
i te rong o sfog a’ tte
tu me dai o’ sfog a mme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *