‘O portavoce (1921)

Papà nun vo’ ca tu t’affacce ‘a sera
perchè si pensa che io ti fo la posta,
papà che tiene ‘a capa troppo tosta
si affaccia lui, pe nun te fà affaccià!

Ma noi parliam dal portavoce
dal momento che ci cuoce,
tutte e sere verso e’ l’otto
lei da sopra e io da sotto

con un fischio nella mano
zittu zitt chianu chian
i te rong o sfog a’ tte
tu me dai o’ sfog a mme.

A serenata ‘e Pulecenella (1916)

E stó’ aspettanno cu stu mandulino
ll’ora che, ‘a cielo, se ne trase ‘a luna…
mme só’ nascosto dint’a nu ciardino,
pe’ nun ‘o ffá assapé
ca só’ semp’io ca cerco scusa a te.

Te voglio tantu bene!
Te voglio tantu bene!
To ddico zittu, zittu,
zittu, zitto…
ca, si allucco, ‘a gente
ca nun sape niente,
pò sentí:
“Te voglio bene!”

Mme metto scuorno ‘e fá sapé a ll’amice
ca “tinco tinco” torno e faccio pace.
Si ‘appura ‘a gente, Napule che dice?
Ca mm
e vvoglio fá fá,
sott’a chist’uocchie, cierti ‘nfamitá?

Te voglio tantu bene!

Na vota ero ‘o cchiù guappo ‘e ll’Arenella:
tenevo ‘nnammurate a mille a mille…
e mo mme faje chiammá “Pulicenella”…
Ma tu ce pienze o no,
ch’évo nu guappo – guappo overo – e mo?

Te voglio tantu bene!